Quartiere CEP, l’idea di Enrico Mandolesi

Quartiere CEP, l'idea di Mandolesi

Il Quartier CEP (Centro Edilizia Popolare) di Campobasso può vantare diversi primati e costituisce un caso più unico che raro nel panorama urbanistico dell’edilizia popolare italiana. E’ per questo motivo che ancora oggi esso è oggetto di attenzione da parte di numerosi studiosi di urbanistica ed architettura e meta di studenti iscritti a diverse Facoltà di Architettura, anche in relazione al suo ottimo stato di conservazione.
L’idea dell’ingegnere Enrico Mandolesi, che lo progettò nel 1961, muoveva da una visione globale dell’architettura intesa come esito dell’integrazione tra forma e soluzione costruttiva, come espressione legata all’evoluzione del linguaggio e all’innovazione tecnologica. I segni di questo cambiamento sono soprattutto evidenti nell’impiego del laterizio faccia a vista – tecnica costruttiva sicuramente innovativa per quegl’anni quando i manufatti venivano realizzati con laterizi intonacati – che troviamo realizzata anche in due altri fabbricati di Campobasso: il Mercato coperto e il Palazzo ex INA di Corso Bucci, sempre opere dell’ingegno dell’ingegnere romano, scomparso il 22 maggio 2015.
Anche il progetto della Chiesa di San Giuseppe Artigiano è dello stesso Mandolesi. Nella pianificazione dell’illustre urbanista, il quartiere CEP doveva costituire un “quartiere satellite”, collegato al centro urbano ma autosufficiente in quanto a servizi e vivibilità sostenibile. Di qui, la corretta pianificazione della urbanizzazione primaria: strade larghe e ampi spazi destinati ai parcheggi; ma anche la cospicua dotazione infrastrutturale secondaria: aree verdi localizzate in tutta l’area, servizi scolastici (dall’infanzia alla Secondaria di 1° grado), impianti sportivi (campo di calcio e palestra “L. Sturzo”, con campo di calcetto ed annesso bocciodromo), servizi commerciali (mercato coperto), servizi sociali (Chiesa Ufficio postale, Centro sanitario, Sezione Vigili urbani) centri culturali (biblioteca),servizi sociali (Centro sociale per anziani), servizi ricreativi (Parco giochi per bambini).
Se è vero che per un insediamento urbano sono solo i risultati della pianificazione che fanno testo, se è vero che i piani si giudicano per quello che realizzano, e non per quello che annunciano, se è altrettanto vero che alla fase dello studio devono seguire progetti coerenti, quello del quartiere CEP è un esempio eloquente di quanto la pianificazione sia stata calata sul territorio e ne abbia assorbito le sue necessità sociali, culturali ed economiche. Ecco perché il CEP è considerato fra i migliori esempi di edilizia popolare dell’intero Paese, un’autentica mosca bianca nel panorama di abbandono e di degrado che caratterizza molte periferie italiane.

Istituto Comprensivo Montini
Seo wordpress plugin by www.seowizard.org.